La pratica dello yoga, che sia a lezione o da soli a casa, può essere vissuta in tanti modi e questo fa sì che essa diventi per ognuno qualcosa di molto intimo e personale.

C’è chi vive lo yoga solo come ginnastica, magari per risolvere problemi di mal di schiena o cervicale (anche se questo in genere accade soprattutto all’inizio, quando ancora non si è scoperto tutto il resto!), c’è chi si sente molto stressato e ricerca soprattutto l’aspetto meditativo della pratica, oppure chi sente lo yoga come una sorta di terapia dell’anima e così via… Ogni volta puoi esplorare un diverso approccio allo yoga, per poi riuscire forse un giorno ad integrarli tutti tra loro.

dsc00530Hai mai sperimentato finora, ad esempio, che la pratica può diventare un avventuroso VIAGGIO INTERIORE ALLA SCOPERTA DI SÉ?
Lo yoga è davvero un fantastico percorso per conoscere se stessi, le proprie paure, i propri punti di forza e le proprie debolezze (tanto a livello fisico quanto a livello interiore), il proprio modo di reagire di fronte alle difficoltà, la propria impazienza rispetto al raggiungimento di un traguardo, la propria apertura o chiusura mentale di fronte a ciò che è nuovo o lontano dalla cultura di appartenenza… e tanto altro ancora.

Non è bellissimo?! Ogni posizione diventa così un’osservazione di sé, delle proprie sensazioni, non solo fisiche, e dei propri pensieri. Ogni asana diventa una cartina di tornasole di cosa sei oggi e un “assaggio” di come potresti essere domani.

Un piegamento in avanti ti può rivelare quanta fatica fai a lasciarti andare al flusso della vita, cercando sempre di direzionarla dalla “torre di controllo” della mente; un piegamento all’indietro ti mostra quanto ancora il tuo cuore è ferito, chiuso, timoroso di aprirsi senza riserve per dare e ricevere amore; una posizione capovolta ti può svelare quanta fatica fai a guardare le cose da un punto di vista nuovo…

Prova a praticare con questo approccio e sentirai che ogni posizione parla di te e ti aiuta a conoscerti senza inganni… Buon viaggio!!!